A PIANO DI SORRENTO PARTE IL PREMIO PENISOLA SORRENTINA

Il concerto inaugurale degli Stadio inaugura la kermesse giunta alla ventiquattresima edizione ed inserita nel cartello regionale degli eventi di rilievanza nazionale. All’Eliseo di Roma la proclamazion dei vincitori del Premio, cui ha aderito anche il Parlamento Europeo. 

A Piano di Sorrento è ormai aria di Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”.

Domenica 29 settembre alle 21.00, nella centralissima Piazza Cota, il Comune di Piano di Sorrento ha organizzato un grande concerto inaugurale degli Stadio, una delle band più famose a livello nazionale:  uno spettacolo antologico che celebra il primo live album della band, disco d’oro nel 1993 e tuttora il loro lavoro più venduto. Tra i brani live ci saranno “Acqua e sapone”, “Un disperato bisogno d’amore”, “C’è”, “Vorrei”, “Chi te l’ha detto”, “La faccia delle donne”, “Grande figlio di puttana”, “Generazione di fenomeni”, “Chiedi chi erano i Beatles

 
Il Premio “Penisola Sorrentina” – promosso dall’Assessorato alla cultura di Piano di Sorrento nell’ambito del POC Campania- vedrà a metà ottobre  protagonisti anche i giovani e le scuole del territorio, attraverso la sezione “Young award”, dedicata ad Ermanno Acanfora.
 
I riflettori sono tutti ovviamente puntati sulla serata di consegna dei riconoscimenti, in programma al Teatro delle Rose il 26 ottobre.
 
Tra gli ospiti fissi ci saranno il conduttore de “I fatti Vostri” di Rai 2 Giancarlo Magalli, l’attrice Francesca Cavallin , il comico Gino Rivieccio, che riceverà il premio “Dino Verde” per i 40 anni di carriera.    
 
Tutti i vincitori dell’edizione 2019 saranno proclamati al Teatro Eliseo di Roma durante una conferenza stampa nazionale in programma il 9 ottobre alle ore 11.00.  
 

Intanto anche il Presidente del Parlamento Europeo, David Maria Sassoli, è intervenuto da Bruxelles per augurare buon lavoro a tutta l’organizzazione,  confermando la concessione dell’Alto Patrocinio alla kermesse diretta da Mario Esposito. 

 
 
“Trovo che questa iniziativa – afferma Sassoli – sia assolutamente coerente con le strategie dell’Unione Europea per la gioventù, in quanto promuove la partecipazione dei giovani alla vita democratica e, al contempo, favorisce l’impegno sociale e civile, contribuendo a valorizzare appieno le potenzialità dei nostri cittadini”.