Il Premio Penisola Sorrentina al Teatro Eliseo di Roma

Nel salotto della cultura di Via Nazionale Mario Esposito, Luca Barbareschi e Danilo Rea proclameranno i vincitori dell’edizione 2019.
 
 
ROMA – Il Teatro Eliseo di Roma, diretto da Luca Barbareschi, ospiterà il 9 ottobre alle ore 11.00 la cerimonia ufficiale di proclamazione e presentazione alla stampa dei vincitori della ventiquattresima edizione del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, riconoscimento posto sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo ed inserito nel cartello degli eventi di rilevanza nazionale della Regione Campania.
 
Saranno Luca Barbareschi (direttore artistico dell’Eliseo e presidente della sezione teatro del Premio), Danilo Rea (presidente della sezione musica) e Mario Esposito (direttore generale del Premio), ad annunziare i vincitori delle diverse categorie: teatro, musica, giornalismo, giovani.
 
“ Sosteniamo le tradizioni perché le tradizioni poi si sostengano. È il detto vittoriano su cui è costruito il Premio Penisola Sorrentina. È un premio che ha una sua istituzionalità e una grande serietà”dichiara Barbareschi che per il secondo anno consecutivo ospita il Premio all’interno del suo teatro, polo culturale prestigioso della capitale.
 
“ In un momento così difficile come il nostro in cui si tende a sdrammatizzare, io sono un vecchio che crede nelle istituzioni, avendole anche frequentate, auspicando un profondo investimento nella cultura”, conclude il direttore dell’Eliseo.
 
Durante la conferenza stampa – cui prenderà parte anche il Sindaco di Piano di Sorrento Vincenzo Iaccarino- sarà consegnato un premio per la  carriera narrativa allo scrittore Raffaele Lauro, Prefetto della Repubblica, introdotto dal critico letterario siciliano Patrizia Danzè.
 
Lo spettacolo di premiazione si svolgerà al Teatro delle Rose di Piano di Sorrento il 26 ottobre.
 
Tra le star attese in costiera sorrentina anche il soprano di fama internazionale Svetlava Kasyan,  recente protagonista dell’” Aida” all’ Arena di Verona, con la direzione di  Daniel Oren.